Archivi categoria: Formazione

#AccaddeInQuell’età – Incontri letterari, secondo appuntamento

23 maggio, secondo appuntamento della rubrica!

Un po’ alla volta, in questo nostro strano presente, in questa così detta “Fase 2”, molte cose continuano a cambiare e dobbiamo essere flessibili ed agili per adattarci… Lo spunto letterario di oggi è un invito a cavalcare l’onda del momento! Un surfista che si trova di fronte un muro d’acqua, forse se lo chiede: “Che faccio, mi ci butto o lo schivo? E’ l’onda buona o meglio aspettarne un’altra?”. E nel frattempo il mare scorre… Non è semplice andare nel profondo, ma quante cose si possono scoprire?

Leggere è incuriosirsi, aprire il cuore e la mente e il corpo a storie nuove, cercare qualcosa di importante per noi stessi, appassionarsi, condividere! Leggere in solitudine è una coccola; leggere in compagnia, in coppia e con i propri bimbi, è come un gioco, un’avventura, una mappa per scoprire un tesoro! La famiglia stessa è una storia incredibile che cambia di continuo, un romanzo da scrivere e da leggere insieme!

Buon ascolto!

#Accaddeinquelletà Incontri letterari – Secondo appuntamento

23 maggio, secondo appuntamento della rubrica!Un po' alla volta molte cose continuano a cambiare nel nostro presente e dobbiamo essere flessibili ed agili per adattarci… Lo spunto letterario di oggi è un invito a cavalcare l'onda del momento! Un surfista che si trova di fronte un muro d'acqua, forse se lo chiede: che faccio, mi ci butto o lo schivo? E' l'onda buona o meglio aspettarne un'altra? E nel frattempo il mare scorre… Non è semplice andare nel profondo, ma quante cose si possono scoprire? Buon ascolto!#accaddeinquelletà #incontriletterari #ilmaggiodeilibri #seleggoscopro #lettura #lettori #amantideilibri #letteratura #scoperta #cultura #storie #narrazione #creazione #creatività #riflessione #condivisione #famiglie #domande #essereinsieme #mondidiversi #viagginteriori #viaggiare #fantasia #leceneridiangela #frankmccourt #adelphi

Pubblicato da Giulia Tortorelli Psicologa Psicoterapeuta su Sabato 23 maggio 2020

#accaddeinquelletà #incontriletterari #ilmaggiodeilibri #seleggoscopro #lettura #lettori #amantideilibri #letteratura #scoperta #cultura #storie #narrazione #creazione #creatività #riflessione #condivisione #famiglie #domande #essereinsieme #mondidiversi #viagginteriori #viaggiare #fantasia #leceneridiangela #frankmccourt #adelphi

Festival della disabilità creativa a Cassola: 27-29 febbraio

NOTA BENE: Segnalo che a seguito dell’emergenza sanitaria in corso causata dalla diffusione del nuovo COVID-19, per contenerne il contagio e per aderire strettamente alle linee guida diffuse dalle istituzioni, l’evento descritto in questo articolo è stato annullato e rimandato a data da destinarsi.

————————————————————————————-

Il prossimo 29 febbraio avrò il piacere e l’onore di essere tra gli ospiti di una bellissima serata all’interno della terza edizione del “Festival della disabilità creativa” di Cassola, promosso dal Comune in collaborazione con la

Fondazione Aida di Verona e l’associazione Disability Freedom.

Mettere assieme due parole così apparentemente distanti come “disabilità” e “creatività” è un insolito invito a riflettere su come ci approcciamo a questo tema, cosa ne pensiamo, cosa conosciamo o cosa non immaginiamo, quali risorse sono in grado di mettersi in moto nelle persone per sopravvivere e vivere al meglio delle proprie possibilità.

Estratto del TG BASSANO del 29 gennaio 2020

L’incontro con la disabilità, in qualunque circostanza della vita accada, rappresenta una sfida importante che richiede a tutti di adattarsi, evolvere, cambiare, scoprire, essere disponibili e creativi per reinventarsi.

In questa occasione particolare mi è stato affidato un compito di grande responsabilità: parlare di AMORE!

L’Amore non è uno ma multiforme e soggettivo, potente e terapeutico, elemento capace di aiutare a superare barriere fisiche e mentali. Ecco perché con un gioco di parole provocatorio in questo caso, mi piace definirlo “abile”: invita le persone ad essere attive protagoniste delle loro vite e delle loro relazioni anche quando sembrano esserci ostacoli decisamente difficili da affrontare.

L’Amore conforta ma non lascia tranquilli: esige benignamente che ci si dia da fare per vivere a pieno le proprie scelte; non può essere delegato ad altri, diventa responsabilità e ricompensa di ciascuno di noi.

L’Amore si esprime sempre attraverso un incontro. Con noi stessi, i primi ad essere chiamati ad amarci. Il nostro corpo, la nostra mente, le nostre emozioni… ci rendono unici nella nostra globalità. L’accoglienza e la conoscenza di ciò che siamo, in particolar modo nella disabilità, è una delle più potenti chiavi di volta per permettere l’accesso al nostro mondo più intimo, che può così entrare in contatto con quello degli altri. Dando vita a tutte le forme di Amore possibili: nella coppia, nella famiglia, nella genitorialità, nelle amicizie…

L’Amore è anche incontro di corpi, fisicità, contatto, tocco, scoperta, confini, piacere… Dimensioni complementari e spesso cariche di pudori e di tabù, specialmente se guardate attraverso gli occhiali della disabilità.

Per favorire una sempre maggiore e reale integrazione tra le persone; per far sì che le differenze non siano qualcosa da negare, da nascondere, da compatire… bensì da riconoscere e valorizzare nell’aiuto reciproco; per convivere con la diversità rendendola una ricchezza… l’Amore aiuta a comprendere, nel senso di prendere-con, tenere insieme tutte le apparenti contraddizioni e mescolarle a favore del singolo e del gruppo.

Vi aspetto numerosi per continuare a confrontarci e parlarne insieme, con Helga e Federico di Disability Freedom e con Maximiliano Ulivieri, docente e formatore nel campo del turismo accessibile per disabili e autore di LoveAbility, il primo libro italiano che affronta il tema dell’assistenza sessuale per disabili, una realtà consolidata in gran parte dell’Europa ma di cui il nostro Paese fatica a prendere atto.

Scarica il Comunicato stampa e la Locandina dell’evento!

Disabilità_Creativa_Terza_edizione_ComunicatoStampa 

Locandina

La relazione fraterna nella disabilità: dialoghi con i genitori.

Essere fratelli è una problema?

Avere un fratello/sorella con disabilità non è di per sé un problema, ma può costituire una condizione di “fragilità” che richiede attenzioni e cure particolari. La specificità della relazione fra i siblings (termine anglosassone con cui si identificano i fratelli e sorelle di persone con disabilità), pone in primo piano l’importanza di preservare il rapporto di fratellanza in quanto tale come esperienza di vita unica ed insostituibile nel percorso di vita della persona.

Cosa centrano i genitori?

Gli interventi e le proposte specifiche rivolte direttamente ai fratelli sono molto utili per sostenere i ragazzi nel loro percorso di crescita, senza dimenticarci dell’importanza che ricopre il ruolo dei genitori in questo processo. Con questo ciclo di incontri vogliamo iniziare a lavorare con loro. E’ nella famiglia che troviamo, infatti, le risorse fondamentali per preparare un terreno fertile di prevenzione e cura, le condizioni necessarie per consentire ai fratelli di contattare, condividere ed elaborare le proprie emozioni.

Una poesia di Gibran recita:

Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive,

i vostri figli sono lanciati in avanti.”

Il poeta descrive uno dei compiti più ardui e coraggiosi di un genitore: far sì che i figli realizzino se stessi anche, a volte, in modi molto diversi da come una mamma o un papà avrebbero immaginato. Stare accanto lasciando libertà, essere presenti immaginando il futuro. Rifletteremo su come favorire lo sviluppo di un rapporto di reciprocità tra fratelli nel rispetto della diversità, unicità e indipendenza di ciascuno.

DOVE – Centro Dadi, via Chioggia 2, Padova

QUANDO – Sabato 25 gennaio, 15 febbraio, 7 marzo 2020 dalle 16.00 alle 18.30

COSA FAREMO – Proponiamo un percorso attivo e partecipativo in cui:

  • acquisire delle nozioni sul tema della relazione fraterna nell’esperienza della disabilità
  • condividere liberamente riflessioni e vissuti sul proprio ruolo di genitori, per mettersi in gioco in maniera creativa
  • potenziare e valorizzare le proprie risorse personali e acquisire nuove competenze comunicative ed emotive

Vi aspettiamo per trascorrere insieme 3 pomeriggi formativi su un tema così complesso e di cui è importantissimo riuscire a parlare, per condividere le esperienze, uscire dal bozzolo e fare rete!

FRATELLI INVISIBILI: un nuovo appuntamento per parlare di siblings!

Quando un tema è caro per l’importanza che ricopre nelle nostre vite; quando la professionalità permette di esplorarlo con coraggio; quando si incontrano collaboratori con cui condividere proficuamente il percorso… nascono davvero delle belle opportunità!
Dopo il convegno che si è tenuto a Padova lo scorso 25 Maggio, ecco una nuova occasione di grande interesse sul tema disabilità che si svolgerà questa volta ad Arezzo:
FRATELLI INVISIBILI: la relazione fraterna nella disabilità
Un incontro aperto a tutti sull’argomento, in particolare con uno sguardo rivolto verso i siblings: fratelli e sorelle di persone con disabilità. Saremo presenti io e la collega Dott.ssa Giulia Franco, invitate dall’Associazione Autismo Arezzo per trattare questo tema che fa parte delle nostre vite e della nostra formazione.
L’appuntamento è per sabato 12 ottobre dalle 9:30 alle 12:30 presso la sala Piazza Grande dell’Hotel Continentale di Arezzo, ingresso libero ma gradita la prenotazione per i posti limitati:
autismo.arezzo@gmail.com
Allego la locandina scaricabile in fondo all’articolo e se si visita la mia pagina FB:
è possibile visionare il link all’evento.
Vi aspettiamo per vivere insieme una mattinata intensa che vedrà alternarsi momenti formativi, testimonianze e accompagnamento musicale!

FAMIGLIE E FRATELLI IN AZIONE: un convegno dedicato alla relazione fraterna nella disabilità

Il prossimo 25 maggio 2019 si terrà in provincia di Padova questo annuale convegno sul tema della relazione fraterna in situazioni di disabilità, promosso dalla collega Dott.ssa Giulia Franco in collaborazione con “Formiamo Impresa Sociale” e “Famiglie e abilità onlus”, due realtà locali molto attive per quanto riguarda la sensibilizzazione a certi temi sociali.

Loc_Convegno2019

E di sensibilizzazione non ce n’è mai troppa: l’universo disabilità, come amo definirlo, è ricco, complesso, diversificato, soggettivo, ancora per molti versi sconosciuto e per questo “spaventoso” o contornato di pregiudizi e conoscenze falsate.

Ecco perché diventa fondamentale poterne parlare nella collettività, portare fuori determinate tematiche dal silenzio e dal tabù, rendere bene comune le informazioni e le buone prassi per favorire una coesistenza civile e una integrazione realizzabile per tutti.

Queste sono state le premesse preziose con cui ho accolto con vero piacere l’invito della collega a partecipare al programma del convegno, portando un contributo tanto delicato quanto importante: uno sguardo sul “cosa sarà di mio figlio/mia figlia (o mio fratello/sorella) quando noi (genitori) non ci saremo più?”. La recente legge conosciuta come “Dopo di noi” ha posto l’attenzione sulla centralità di questa domanda, alla quale è necessario pensare nel presente per favorire un futuro quanto più sereno per tutti i membri della famiglia, nessuno escluso.

Sarà al mio fianco l’Avvocato Rossana Miotto, collaboratrice imprescindibile per affrontare correttamente e completamente la tematica, facendo dialogare la psicologia con il diritto, in una stretta congiunzione.

Nel volantino in allegato il programma completo e tutte le istruzioni per procedere con l’iscrizione obbligatoria.

dep_Convegno_180419 web

Vi aspettiamo numerosi!

ESAME DI STATO IN PSICOLOGIA: nuovi corsi in partenza per Giugno!

L’esperienza aiuta a migliorare, in ogni cosa che facciamo.

Lo stesso si può dire per l’incontro con gli altri e l’ascolto delle loro riflessioni, condivisioni, consigli sul nostro operato.

Unendo questi due ingredienti preziosi, in vista della prossima sessione dell’Esame di Stato in Psicologia (Giugno 2017), con la collega Eleonora Soffiato abbiamo completamente rinnovato la proposta di formazione che da qualche anno rivolgiamo ai laureati che si apprestano a sostenere le prove d’esame per abilitarsi.

Le edizioni precedenti del corso e i feedback dei partecipanti ci aiutano a differenziare sempre di più le esigenze e creare percorsi mirati e specifici per supportare gli studenti nella loro preparazione.

Ecco quindi I due differenti moduli, frequentabili separatamente o in successione:

LIVELLO 1

Per chi si sta approcciando allo studio e ha bisogno di orientarsi fra le prove ed il materiale

3 incontri “teorico-pratici” sulle prove d’esame
costo 160 euro, se porti un amico 130 euro!
Lunedì 6-13-20 Marzo 2017 ore 17-20

LIVELLO 2 

Per chi è a buon punto della preparazione e desidera potenziarla con esercitazioni pratiche e simulazioni

4 incontri di pratica sulle prove d’esame:
costo 230 euro, se porti un amico 200 euro!
Lunedì 8-15-22-29 Maggio 2017 ore 17-20

PRESSO: Studio di Psicologia, via Siracusa 36/A, Padova

Conducono: Dott.sse Giulia Tortorelli e Eleonora Soffiato

Info e iscrizioni:

Tel. 338/1212767 orario pomeridiano

E-mail: interazione.psi@gmail.com

Pagina Facebook: Esame di Stato in Psicologia Padova

SCARICA LA LOCANDINA QUI SOTTO!

CHE STORIA E’ QUESTA? Appuntamenti in Libreria!

Dal 25 novembre al 4 dicembre si svolgerà la seconda edizione della Settimana dell’Informazione Psicologica indetta dall’Ordine Psicologi Veneto per avvicinare al mondo della psicologia e sensibilizzare la popolazione sui molteplici ambiti di interesse e di intervento di questa disciplina.

Moltissimi gli appuntamenti in programma in tutta la città! Con la collega Eleonora Soffiato e la Professoressa Donatella Lombello parteciperemo con il primo di due incontri previsti per il ciclo

SERATE IN LIBRERIA – appuntamenti alla Mondadori di Padova

Lunedì 28 novembre 2016 ore 18.00-19.00:

“Che storia è questa?

Incontro-dialogo alla scoperta del valore della narrazione”!

Per visualizzare l’evento visita la Pagina Facebook dedicata.

Scarica la LOCANDINA dell’incontro che-storia-e-questa!

ALFABETO DELLE EMOZIONI

A come Amore… e poi?

Amicizia, Affetto, Avversione, Alterazione, Agitazione…

E di Euforia e di Entusiasmo.

F di Felicità, Frustrazione, Furia…

lettere-dell-39-alfabeto-carino_23-2147504043

Non si tratta di un mero esercizio di conoscenza del vocabolario italiano! Se pensiamo all’esclamazione “Che emozione!”, che ci sarà capitato di dire in occasioni particolari delle nostre vite, quante sfumature del tutto personali possiamo distinguere al suo interno? E’ come se EMOZIONE fosse un grosso contenitore di esperienze variegate, connotate da noi stessi positivamente e negativamente… e cos’altro? Sappiamo distinguere fra loro gli stati d’animo che proviamo? Non è così scontato.

Immaginiamo di trovarci davanti ad uno scrigno pieno di pietre preziose: probabilmente alcune (le più famose per tutti) siamo in grado di riconoscerle, spiccano fra le altre per colore, brillantezza, forma, dimensioni. Così possiamo separare facilmente un rubino da uno smeraldo, un diamante da un lapislazzulo… Ma che dire delle pietre “meno conosciute”? Sono pur sempre preziose ed importanti, ma probabilmente facciamo più fatica a caratterizzarle, si perdono nel mucchio con le particolarità che le rendono uniche e specifiche.

1345617503_kamny

Possiamo provare a spostare la metafora sulle nostre emozioni: può essere che quelle di cui abbiamo fatto più esperienza nella nostra vita, quelle che consideriamo più piacevoli, più “utili”… oppure le così dette “emozioni primarie”, ci siano maggiormente familiari: gioia, rabbia, tristezza, paura, disgusto… Innumerevoli studi le annoverano come “emozioni innate ed universali”, l’A B C dei nostri stati d’animo. Nel panorama ricco dei nostri sentimenti, alcuni quindi sembrano spiccare nettamente come i rubini e gli smeraldi di prima.

rich_insideout_footer_33eb9119Non sempre però è così immediato riconoscere e descrivere come ci sentiamo. Può capitare che convivano dentro di noi, contemporaneamente, più stati d’animo, anche apparentemente contraddittori; così come, in circostanze particolari, possiamo sentirci confusi e incapaci di esprimere chiaramente a noi stessi e agli altri le nostre emozioni. Una sorta di nebbia in cui fatichiamo ad orientarci. Qui compaiono le sfumature… l’alfabeto con cui ci stavamo esercitando all’inizio! E allora la Rabbia può distinguersi dal Rancore, la Paura si può affiancare al Pudore, il Disgusto può prendere a braccetto il Dissenso…

A cosa ci serve saperci muovere con dimestichezza dentro noi stessi?

Sicuramente a dissipare un po’ quel senso di vaghezza, di indeterminazione, di confusione che a volte ci disorienta. Come dire: se in mezzo alla nebbia abbiamo a disposizione una mappa del territorio, possiamo capire meglio dove ci troviamo; e se oltre alla mappa ci dotiamo di una bussola, possiamo scegliere la direzione da prendere con maggior decisione. Ascoltandoci e soffermandoci su ciò che ci accade, interrogandoci sul senso che noi vi attribuiamo, costruiamo il nostro “senso dell’orientamento emotivo”. Possiamo accorgerci meglio di cos’è che ci suscita una determinata emozione, del perché proprio in quel momento o sempre con quella persona, di come reagiamo, di cosa non facciamo…

orientamento43-e1357659175520

Un passaggio ulteriore può essere un mutamento di prospettiva rispetto a cosa pensiamo delle emozioni. Ad esempio: ci sarà capitato di vivere situazioni in cui ci accorgiamo che quasi in automatico scatta in noi una reazione ad un certo evento. Può sembrare quindi che l’emozione sia di per sé un dato di fatto immutabile, che arriva causata dall’esterno e su cui abbiamo poco potere. Ma se ci soffermiamo sui dettagli personali e sulle sfumature emotive di cui prima, possiamo scoprire che la rabbia che provo io è un sentimento magari simile o magari molto diverso dalla rabbia che prova un mio caro. Il nome è lo stesso, cambia il significato, il modo di manifestarla, il giudizio che ne abbiamo. Così l’emozione non è più molto oggettiva: in qualche modo dipende da me e dalla mia storia personale. Ed io, conoscendo la Mia Rabbia, posso non sentirmi più succube della stessa, ma decidere come utilizzarla.

Questa consapevolezza ci sostiene anche nel vivere le nostre relazioni quotidiane, che possono cambiare a loro volta. Le emozioni infatti rappresentano un modo di interpretare noi stessi e gli altri che ci guida nell’agire di tutti i giorni. Siamo costantemente immersi nel processo emotivo: più che uno stato potremmo immaginarlo come un flusso in continuo mutamento, che coinvolge allo stesso tempo pensieri, azioni, progettazione, ricordi. Come ci sentiamo si connette a come ci comportiamo e viceversa. Lo stesso vale per chi ci circonda. Grazie all’incontro/scontro di questi mondi, i nostri rapporti personali si tingono di sfumature emotive diverse: con il partner, i figli, i genitori, i colleghi, il commesso al supermercato…

Le nostre relazioni che colori hanno?

Si apre poi un altro aspetto importante: come giudichiamo le nostre emozioni. Ci sono quelle buone e quelle cattive? Quelle da scacciare e quelle da preferire? Cosa ce le fa categorizzare in un modo o nell’altro? Cosa implica soffocarne alcune, dissimularne altre, esteriorizzare con enfasi quelle magari socialmente più accettate? C’è differenza fra il mondo emotivo di un uomo e di una donna, di un bambino?…

…Quante domande, accennando appena ad un argomento per certi versi davvero inflazionato, ma ancora così estremamente complesso e affascinante! Credo valga la pena continuare ad interrogarsi sul significato che diamo alla nostra esperienza emotiva: non per trovare “etichette uguali per tutti” che descrivano la media dell’uomo comune, ma per provare ad esplorare il proprio universo emotivo e scoprire di quali sfumature personali è fatto, per poter affrontare le situazioni quotidiane muniti di mappe e bussole utili prima di tutto a noi!


Se questo contributo ti è piaciuto, condividi l’articolo sui tuoi social!

Se vuoi saperne di più su questo argomento, se desideri avere informazioni su corsi e laboratori sulle emozioni o contattarmi per una consulenza, scrivimi in privato!

Dai uno sguardo anche alla sezione SERVIZI del sito.

In partenza Corsi e Laboratori a Selvazzano!

Il Comune di Selvazzano attraverso l’iniziativa “Corsi della Selva” anche quest’anno propone alla cittadinanza una serie di occasioni formative e di svago davvero molto variegate.

E’ in partenza quindi a fine ottobre il primo di 4 percorsi che ho proposto, visionabili a pag. 23 dell’opuscolo illustrativo (reperibile a breve sulla home page del sito del Comune e scaricabile in fondo a questo articolo).

“S-CON-TROVARSI: da relazioni conflittuali a relazioni efficaci”

Il tema del conflitto negli scambi quotidiani assume una rilevanza cui spesso non pensiamo. Cosa significa per ciascuno di noi “scontrarsi” con l’altro, litigare, essere in disaccordo? Che tipo di emozioni viviamo quando accade? E’ un’esperienza frequente nelle nostre vite? Cerchiamo di evitarla il più possibile? Come possiamo trasformare un passaggio a volte difficile in uno strumento utile alla nostra crescita ed evoluzione personale?

Nel ciclo di incontri dedicati rifletteremo su questi ed altri interrogativi che ci toccano da vicino poiché guidano in qualche modo il nostro agire; esploreremo e sperimenteremo in piccolo gruppo percorsi alternativi; proveremo a conoscerci ed incontrarci attraverso un confronto aperto e libero.

Date: 26 ottobre / 2 novembre / 9 novembre / 16 novembre 2016
dalle ore 20.00 alle 22.00 – Costo e 28,00
Sede degli incontri:
Centro Civico “Presca”
Via Colombo, 1 – San Domenico

Modalità d’iscrizione
1) compilare il modulo riportato nell’ultima pagina dell’opuscolo;
2) recapitare il modulo alla Biblioteca Comunale di Selvazzano, anche tramite fax / e-mail;
3) alla conferma di avvio del corso effettuare il pagamento e trasmetterne l’attestazione alla Biblioteca Comunale anche via fax / e-mail

Modalità di pagamento quota corso/i
I versamenti possono essere effettuati tramite:

-conto corrente postale n. 11342359
-bonifico postale codice IBAN n. IT06X0760112100000011342359
-bonifico bancario cod. IBAN n. IT76B062251218606700007648B

Intestati a: “Comune di Selvazzano Dentro – Servizio di Tesoreria”
Causale: scrivere il nome del corso o dei corsi.

Se non si raggiunge il numero minimo, il corso non sarà attivato e ne sarà data comunicazione in tempo utile. In caso di rinuncia si prega di darne comunicazione prima dell’inizio del corso. Il rimborso della quota di partecipazione è previsto esclusivamente in caso di annullamento di un corso o di errato versamento.

Scarica l’opuscolo completo:

corsi-la-selva-12-ed