PREVENZIONE: UN SISTEMA COMPLESSO DI ATTORI IN GIOCO

E’ di questi giorni l’ennesimo (purtroppo) caso di cronaca relativo a maltrattamenti all’interno di strutture di accoglienza per persone con differenti problematiche, in questo caso un centro per la disabilità:

“Disabili segregati e picchiati in un centro di riabilitazione in provincia di Roma”

Verso la fine dell’articolo, resto colpita dalle affermazioni del Ministro della salute Beatrice Lorenzin:

“…E’ di fondamentale importanza l’approvazione del ddl che porta il mio nome… In esso è contenuta l’aggravante per chi commette reati all’interno delle strutture socio sanitarie. Aumentare di un terzo la pena per gli autori di gesti così ripugnanti credo sia il giusto segnale che dobbiamo dare in difesa dei nostri concittadini più fragili”.

Ciò che cattura subito la mia attenzione è il nesso logico che il Ministro esplicita fra “aumentare le pene” per simili reati e, attraverso questo provvedimento, “difendere i cittadini più fragili“. Mi chiedo in che misura si stiano realmente prendendo in considerazione quelli che dovrebbero essere gli aspetti più importanti della questione: la salute e il benessere sia degli utenti del centro accoglienza, sia delle loro famiglie, sia degli operatori che lavorano all’interno della struttura.

Qui si apre il grande capitolo “prevenzione”.

prevenzione

Dal mio punto di vista, non si fa prevenzione (specie nell’ambito sanitario) intervenendo solo sulle conseguenze giuridiche di un atto illecito. Si rischia di bypassare un imprescindibile esame a monte del problema o dei problemi che hanno portato all’accaduto, agendo esclusivamente su piani di minaccia e intimidazione che, se non adeguatamente accompagnati da altri percorsi di cambiamento e miglioramento, lasciano il tempo che trovano.

Credo che prendersi carico seriamente delle condizioni di vita degli ospiti del centro significhi guardare in modo ampio al contesto e agire per garantire il buon funzionamento generale del sistema:

  1. un clima lavorativo sostenibile e adeguato per gli operatori 
  2. un’analisi dei bisogni degli utenti e delle loro potenzialità di crescita e sviluppo
  3. un’attenzione particolare alle loro famiglie in ottica di scambio continuo e collaborazione

Si potrebbe pensare di investire maggiormente in un lavoro di equipe costantemente monitorato e supervisionato che permetta a tutti gli operatori di:

  • condividere le difficoltà concrete quotidiane nella gestione degli utenti e della struttura, per cercare insieme più soluzioni;
  • esprimere i vissuti emotivi personali nella relazione con le persone ricoverate, coi colleghi e con le istituzioni;
  • sentirsi attivamente coinvolti e chiamati in causa nell’andamento della vita del centro e dei suoi ospiti: gli operatori infatti sono sempre strettamente a diretto contatto con le persone di cui si prendono cura e meritano una voce in capitolo importante che spesso non è loro riconosciuta.

Tutto questo può facilitare una comunicazione in team chiara, diretta e costruttiva, una condivisione di punti di vista nell’ottica di un arricchimento e collaborazione reciproci,il riconoscimento e rispetto del proprio ruolo e di quelli altrui.

E può evitare situazioni estreme di stress, burn out lavorativo, inadeguata gestione delle circostanze, con gravi conseguenze che poi ricadono sugli utenti e sui loro familiari.

foto-pessoas-Fotos-Gratis-trabalho-em-equipe-9632581

Contemporaneamente, proprio gli utenti da tutelare rischiano a mio avviso di essere vittime due volte: dei maltrattamenti subiti (o che subiranno in futuro in mancanza di un’adeguata presa in carico della situazione) e del silenzio nel quale continuano ad essere prevalentemente relegati. Dare voce alle loro esigenze, ai bisogni, alle caratteristiche personali, alle potenzialità di ciascuno; dare valore alla persona nella sua interezza e unicità potrebbero essere dei passi avanti significativi per comprendere lo specifico di ogni situazione e fornire a ciascuno un servizio personalizzato realmente utile e coinvolgente.

In ultimo, ma non meno importante, la posizione della famiglia. Tra struttura ospitante e familiari è fondamentale che si crei un rapporto di interscambio sulle condizioni di salute dell’utente; una relazione di fiducia reciproca in cui gli operatori considerino i familiari fra gli “esperti conoscitori” del benessere del proprio caro, e i familiari reputino gli operatori come dei professionisti cui poter affidare con estrema sicurezza la vita dei loro congiunti. Questo equilibrio va costruito giorno per giorno e trasformato in un dialogo costante che abbia come obiettivo comune il massimo benessere dell’assistito, senza dimenticare tutti coloro che ruotano attorno a lui.

Considerando tutte le componenti essenziali prese qui in esame, credo sia possibile parlare più serenamente e consapevolmente di prevenzione. Se il faro guida del proprio lavoro è garantire a tutti le migliori condizioni di vita possibili, l’azione dev’essere congiunta e contemporanea su più fronti. Più attori sono in gioco, più il gioco è complesso, più aumentano le variabili da considerare, più le responsabilità si condividono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *